Halloween: innocua trovata commerciale o festa satanica? Come comportarsi.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Padre Gabriele Amorth, fondatore dell’Associazione Internazionale degli esorcisti e suo presidente fino all’anno 2000, disse: “Halloween non è una “festa” ma un evento inquietante che ha lo scopo di ironizzare, con l’uso delle maschere, su ciò che è male per farlo passare come un divertimento innocente. È il Capodanno dei satanisti, la notte per eccellenza dell’occulto e di chi lo pratica, si festeggia il dio dell’occulto, satana. E poco importa saperlo o non saperlo perché i suoi effetti malefici e devastanti nel tempo, raggiungono anche le persone che, inconsapevolmente, vi partecipano. Fuggite da tutti i simboli di Halloween, sono “porte” sataniche che portano i demoni nelle vostre case, portano divisione, invidie e malefici”.Continua a leggere…

SCANDALO IN VATICANO – Lutero come un Santo

In occasione dei 99 anni dal “miracolo del Sole” della Madonna di Fatima, Bergoglio Celebra Lutero con una statua posta in Vaticano come fosse un Santo.

article-urn-publicid-ap-org-03088f70bde041ccbbe95580dc9957a3-30knxzhdgt1c868da3b22776a05a-209_634x911

Egli ha indossato una stola per metà azzurra e per metà gialla composta da questi due nastri diversi che erano in precedenza stati assegnati secondo il colore ai Cattolici e ai protestanti presenti alla celebrazione.

ca0ec1d4-c3f3-4e0f-beec-f2a969840a8f_w987_r1_s

Quando interrogato egli ha detto che i buoni protestanti gli piacciono come i buoni cattolici e che i cattolici tiepidi non gli piacciono come i protestanti tiepidi. Scherzando, ha inoltre domandato chi sia più buono se i cattolici o i protestanti ed ha concluso: “Sono migliori quando stanno insieme”.

ansa1086759_articolo

Infine, Bergoglio ha ricevuto una edizione prestigiosa delle 95 tesi di Lutero e della Carta Ecumenica.

“Papa, da vivo ero la tua peste, da morto sarò la tua morte.”
Martin Lutero

Francesco e Cristo: pareri divergenti sulla necessità di convertire a Dio tutte le persone

anti-papa-francesco-missionario-nessuna-conversione

Bergoglio, Udienza Generale 02/12/2015: “Ho incontrato le comunità Evangeliche e Mussulmane, condividendo preghiera ed impegno per la pace […]. Lo spirito missionario non è il proselitismo; questa suora mi ha comunicato che le donne Mussulmane si recano da loro poiché coscienti che le suore sono buone infermiere prendentisi buona cura di loro, senza catechizzare al fine di convertirle […]. Non vogliate escludere questa possibilità di divenire missionari, di portare amore, umanità e fede agli altri paesi, per favore. Non vogliate operare proselitismo: no. Ciò viene operato da coloro i quali cercano qualcos’altro”.Continua a leggere…

Intervista censurata dal Vaticano a Mons. Marcel Lefebvre – pt. 1

La seguente intervista con l’Arcivescovo sarebbe stata pubblicata nel 1978 dalla Catholic Press se la Conferenza Americana dei Vescovi cattolici non avesse minacciato l’editore della pubblicazione con scomunica e l’estinzione virtuale della pubblicazione stessa se l’intervista fosse stata pubblicata… Di fatto, i vescovi ordinarono che nessuna testata cattolica pubblicasse questa intervista con l’Arcivescovo Lefebvre. (Un sentito ringraziamento a “SPL”, 300 Independence Ave., S.E., Washington, D.C. 20003).

 

marcel-lefebvre

Lei ha dibattuto e preso parte alle deliberazioni del Concilio Vaticano II, vero?
Sì.
Non firmò e non accettò le decisioni di questo Concilio?
No. Innanzitutto io non ho firmato tutti i documenti del Vaticano II a causa degli ultimi due atti. Il primo, riguardo la “Religione e Libertà” [“La libertà religiosa” («Dignitatis Humanae») – n.d.t. ] non l’ho firmato. neppure l’altro, quello de “La Chiesa nel  ….. mondo contemporaneo”, ho firmato. Questo secondo documento è, secondo la mia opinione, il più ispirato da modernismo e liberalismo.

Continua a leggere…

Il dovere della Verità e il peccato del silenzio

Dalla «Regola pastorale» di San Gregorio Magno, Papa
(Lib. 2,4; PL 77,30-31)
san-gr-papa
Il pastore sia accorto nel tacere e tempestivo nel parlare, per non dire ciò ch’è doveroso tacere e non passare sotto silenzio ciò che deve essere svelato. Un discorso imprudente trascina nell’errore, così un silenzio inopportuno lascia in una condizione falsa coloro che potevano evitarla.