Charlie morirà oggi come un condannato a morte Con il pavido assenso di vescovi e alti prelati – di Tommaso Scandroglio

charlie-gard-court-ordered-killing-defies-parents-wishes

Saranno staccati oggi i macchinari che tengono in vita il piccolo Charlie Gard, il neonato di dieci mesi ricoverato al Great Ormond Street Hospital di Londra per una rara malattia mitocondriale. Lo hanno annunciato i suoi genitori, Chris Gard e Connie Yates, che hanno perso la battaglia legale arrivata fino alla Corte europea dei diritti umani per portare a proprie spese il bimbo negli Usa e sottoporlo a una cura sperimentale.

L’esecuzione capitale decretata dai giudici di Stato sta per essere applicata sul condannato Charlie Gard, di mesi 10, e la Chiesa nonostante ciò rimane silente. Non tutta a dire la verità. L’arcivescovo Peter Smith, della diocesi di Southwark, ha parlato, ma era meglio che rimanesse in silenzio.

Attualmente nella Chiesa ci sono tre tipologie di personaggi. Vi sono coloro che dicono senza peli sulla lingua che il re è nudo. Questi ultimi o finiscono al confino su qualche isoletta nel Pacifico o viene loro attaccato un bersaglio grande come una casa oppure vengono immersi fino al collo nella palude di una sdegnata indifferenza. Altri poi formalmente non prendono posizione, come se rimanessero afoni su vicende come quella del piccolo Charlie, ma è un silenzio eloquente, perché rappresenta un modo furbo per appoggiare le idee dei pro-choice. E’ un silenzio assenso al male. Chi tace in questi casi è complice. Infine vi sono altri che – per tornare al caso inglese – non tacciono e scambiano volutamente l’eutanasia per accanimento terapeutico. Conclusione. Il vero dramma di oggi della Chiesa non è la pedofilia, la sete di arrivismo dei preti, la mancanza di attenzione verso gli ultimi: tutte cose vere, esistenti e da combattere. Il vero dramma è l’eresia.Continua a leggere…

Annunci

Che la destra possa resistere al totalitarismo LGBTqxyzwjei?

Alcune notizie di questi giorni, piccole ma positive, seguite alla vittoria della destra in diversi comuni alle elezioni amministrative appena avvenute, fanno ben pensare e danno spazio a una speranza: che la destra possa resistere al totalirsmo LGBTqxyzwjebi?

Infatti, che la sinistra – tanto il PD e amici quanto il movimento5stalle – sia prona, chinata e ideologicamente a favore dell’agenda mondiale LGBTqxyz è cosa nota, ovvia, innegabile, se non al prezzo della ragione o di una confessione di demenza senile, precoce nel caso di giovani o uomini di mezza età.

prevalle.png

Continua a leggere…

L’EUROPA NAZISTA DECRETA UN’ALTRA CONDANNA A MORTE

La vicenda: Il piccolo Charlie Gard nasce dieci mesi fa in Inghilterra, da una giovane coppia anglosassone, apparentemente in buona salute. Dopo otto settimane comincia a perdere forze e peso e l’ospedale pediatrico a cui si rivolgono la mamma e il papà diagnostica una rara malattia genetica: sindrome di deperimento mitocondriale, che provoca il progressivo indebolimento dei muscoli.
Ci sono solo sedici casi al mondo (uno anche in Italia, Mele – Emanuele Campostrini).
I medici dicono che il picco
lo non ha speranze di sopravvivere a lungo, per cui meglio staccare subito tutto per evitargli sofferenze (???).
I genitori sconvolti da questo ignobile giudizio, dopo aver fatto tutte le ricerche possibili, trovano un ospedale in USA disponibile ad una cura sperimentale per il

18341721_1396827690363595_1833473083212286496_n.jpg

piccolo Charlie. Si tratta di una strada disperata, ma è l’unica percorribile per tentare in ogni modo di salvare la vita al figlio. Grazie a una grossa campagna di sensibilizzazione e alla straordinaria generosità di molta gente colpita da questa tragica vicenda, i due giovani genitori raccolgono tutti i fondi necessari (non pochi) per il trasferimento negli Stati Uniti per prestare le cure necessarie al piccolo Charlie.
Ma i medici si oppongono al trasferimento in USA e ricorrono al tribunale, il quale da ragione ai medici: meglio sospendere le cure che aiutano il piccolo e quindi ucciderlo. Come ultima possibilità, l’extrema ratio, i genitori, decisi a salvare il proprio figlio a ogni costo, ricorrono alla suprema Corte Europea dei Diritti Umani pensando faccia onore al suo nome e faccia prevalere la razionalità per garantire la vita al neonato inglese.
Ma dopo qualche settimana anche la Corte decide: meglio che il piccolo muoia.
Questa è la storia del piccolo Charlie Gard (10 mesi), condannato a morte nell’anno 2017, Gran Bretagna UK, Europa.

Continua a leggere…

In morte di Stefano Rodotà

rodotà

di Massimo Micaletti – Da Radio Spada

Leggo gente che commemora Rodotà.

Un’intelligenza piegata all’ideologia, una ricerca nemica del vero, un pensiero nemico dell’uomo.

E’ morto Stefano Rodotà: inizia immediatamente il processo di canonizzazione laica, che avrà i suoi riti, i suoi sacerdoti, le sue preci e invocazioni.

Continua a leggere…

Accesso all’Eucarestia e perdono dei peccati – dal trattato sul “Padre Nostro” di S. Cipriano vescovo (210-258 d.C.)

IMG_5291

Dicendo la preghiera del Signore, noi chiediamo: «Dacci oggi il nostro pane quotidiano». Ciò può essere inteso sia in senso spirituale che in senso materiale, poiché l’uno e l’altro significato, nell’economia divina, serve per la salvezza. Infatti il pane di vita è Cristo, e questo pane non è di tutti, ma certo nostro lo è. E come diciamo «Padre nostro», perché è Padre di coloro che intendono e credono, così invochiamo anche il «pane nostro», poiché Cristo è pane di coloro che come noi assumono il suo corpo.

Continua a leggere…

I quattro cardinali pubblicano una lettera di richiesta di udienza al Papa riguardo “alla confusione e al disorientamento” nella Chiesa

photovisi-download-e1479146468540_edited

ROMA, 19 giugno 2017 (LifeSiteNews) – I quattro cardinali hanno reso pubblica la lettera al papa del 25 aprile 2017, in cui hanno chiesto, invano, udienza per discutere riguardo “alla confusione e al disorientamento” all’interno della Chiesa, in seguito alla pubblicazione dell’Esortazione apostolica Amoris Laetitia pubblicata nell’Aprile 2016.

Nella lettera i cardinali sottolineano con dolore la grande divisione nella Chiesa sulla morale di base come risultato dell’esortazione del papa.

“E così sta accadendo – quanto è doloroso vedere questo! – ciò che è peccato in Polonia è buono in Germania, che ciò che è vietato nell’arcidiocesi di Filadelfia è ammesso a Malta “, hanno scritto.

I cardinali hanno chiesto al Santo Padre di rispondere durante l’udienza alle loro cinque domande dell’anno scorso riguardo alla questione se Amoris Laetitia sia o meno conforme all’insegnamento cattolico di sempre. Hanno anche chiesto al Papa di poter discutere con lui la “situazione di confusione e disorientamento” nella Chiesa causata dai “passaggi oggettivamente ambigui” nell’Esortazione.
Continua a leggere…

QUESTA SÌ CHE È UNA NOVITÀ IN VATICANO. C’È UN ABORTISTA ALLA PONTIFICIA ACCADEMIA PER LA VITA – di Marco Tosatti

Dialogue_0
Nella foto il nuovo membro della Pontificia Accademia per la vita insieme a Peter Singer,
filosofo australiano famoso per le sue posizioni estreme nel campo bioetico.
Singer afferma: “La vita di un neonato vale meno di quella di un maiale, di un cane o di uno scimpanzé.” (ndr)

La Pontificia Accademia per la Vita ha da ieri quarantacinque nuovi membri ordinari. La cosa straordinaria è che uno di questi, il professore Nigel Biggar, è abortista. Secondo quanto riporta il Catholic Herald insegna ad Oxford, dove è Regius Professor of Moral and Pastoral Theology. In dialogo con il filosofo Peter Singer, nel 2011, secondo quanto ha scritto la rivista Standpoint, Biggar ha detto: “Sarei propenso a tracciare una linea per l’aborto a diciotto settimane dopo il concepimento, che è più o meno il primo periodo in cui c’è qualche evidenza di attività cerebrale, e quindi di coscienza. In termini di mantenere un forte impegno sociale a conservare la vita umana in forme limitate, e in termini di non diventare troppo casual per ciò che riguarda la vita umana , abbiamo bisogno di tracciare una linea in maniera molto conservative”.

Quella di Biggar è certamente una scelta che pone dei problemi, e soprattutto, ancora una volta, come spesso accade in questo regno, questioni importanti. Chi ha consigliato la sua nomina? Perché il responsabile della Pontificia Accademia, mons. Paglia, l’ha scelto, se era al corrente della sua posizione? Il Pontefice ne è stato informato?Continua a leggere…