SANTA PASQUA DI GESU’ RISORTO! – da Risposte Cattoliche

Risposte Cattoliche

02303990c0c97cb36f4ea96e2c4ea785

In questa notte muore la notte e nasce la speranza del giorno eterno, muore il peccato e ritorna a noi la grazia di Dio, muore la morte uccisa da Gesù Cristo, l’Alfa e l’Omega, Dio con noi, che ha camminato sulla nostra terra e si è fatto nostro fratello, nostro amico, nostro salvatore. Il Cielo non è più chiuso, la porta è aperta per chiunque rinasce nello Spirito Santo e nell’acqua, per chi vive la fede del figlio di Dio, per gli uomini di buona volontà. Buona Pasqua di Gesù! Alleluia! Evviva Gesù! Evviva Maria! Alleluia!

Jesus-is-risen

Essa, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l’hai portato via tu, dimmi dove lo hai posto e io andrò a prenderlo». Gesù le disse: «Maria!». Essa allora, voltatasi verso di lui, gli disse in ebraico: «Rabbunì!»

Giovanni 20, 15

View original post

Annunci

Giovedì Santo – Tutto riguarda l’Eucarestia

Risposte Cattoliche

6dcf8aea88e7e649be24d296488a6f83

Per queste ragioni deve sorprendere tanto tutto questo prurito ecumenico, che anima il Vaticano in questi giorni, per cui si tratta Lutero come un Santo incompreso, e si tenta di unire le nostre Celebrazioni Eucaristiche a delle liturgie vuote, dove, di fatto, non c’è Gesù Cristo, non c’è il corpo e il sangue del Messia, non c’è il Sacrificio di Dio per Dio, che, oltre ad essere il fatto più importante di tutta la storia dell’universo, è l’unica azione che ci può salvare.

Fratelli, tutto riguarda l’Eucarestia. Il peccato dell’uomo è cominciato con un alimento. Ciò che noi mangiamo, per natura, entra nella nostra carne, nel nostro corpo, e si muta in noi. Il frutto del peccato avvelenò la nostra natura, metafisicamente e realmente. Il Pane del Cielo, il corpo stesso di Cristo e il sangue del suo Santo Sacrificio, non più immagine di quello vero, il vero Santo Sacrificio…

View original post 1.342 altre parole

Gesù entra a Gerusalemme e nel nostro cuore – BUONA SETTIMANA SANTA

Risposte Cattoliche

La Domenica delle Palme è una Domenica di gioia e dolore. Il Signore Gesù viene accolto a Gerusalemme come il Messia, ma sa che sta andando incontro alla sua morte. Iniziamo la Settimana Santa con spirito di trepidazione, gioia, umiltà e profonda penitenza. Invitiamo ognuno a vivere questo tempo nella preghiera intima con Gesù. A volte le parole delgi uomini non bastano, a volte si deve parlare con Dio. Stiamo con Lui e con Maria in questi giorni, e teniamo il cuore unito al nostro Re, nella sua Passione, allora saremo uniti anche alla sua Resurrezione.

triumphal-entry

Lo staff di Risposte Cattoliche augura una Santa Settimana di Pasqua a tutti voi. Possa Gesù, nostro Fratello, nostro Amico, nostro Maestro, nostro Salvatore, nostro Principe, nostro Signore, Il Figlio di Dio, che ha infranto l’oscurità della nostra storia ed è morto per noi, abitare il più profondo del nostro cuore in ogni attimo…

View original post 359 altre parole

Commento alle Letture Domenica 01/10/2017 – La vera misericordia di Dio e la “misericordia” del mondo

erkhbjdh

Le Letture di questa Domenica ci invitano a riflettere sul senso autentico del pentimento e della misericordia. Di questi tempi si parla frequentemente e a lungo di misericordia, perciò è molto importante che si comprenda appieno il vero significato del pentimento. Infatti, il pentimento è il discrimine tra la “misericordia” ipocrita del mondo e la vera misericordia di Dio.

Attraverso il pentimento di un cuore sincero noi lasciamo andare il nostro attaccamento al male in un dolore che ci libera, e tendiamo la mano verso quella di Dio per accogliere il suo inconcepibile perdono. Dio non forza la nostra libertà. Chi non tendesse questa mano e perseverasse nel suo amore al male come potrebbe ricevere il perdono di Dio? Per questo disse S. Agostino: “Amò dei peccatori, ma tolse il loro peccato: sì, amò dei peccatori, ma non li radunò in una comunità di peccato. Amò degli ammalati, ma li visitò per guarirli” (Trattato sulla prima lettera di san Giovanni VII).Continua a leggere…

Commento alle Letture Domenica di Pentecoste 04/06/2017 – Lo Spirito Santo ci unisce nel corpo di Cristo che è la Chiesa

2e1ef8eb758d0d6c477dbed9c0f595dd

Lo Spirito Santo ci rende un corpo unito e ben compaginato, come dice S. Paolo. Una volta una ragazza che conosco mi disse che lei non riusciva a innamorarsi perché tutti i ragazzi che incontrava non la meritavano. Si era tatuata sotto il piede una frase che recitava “tu sei qui”. Diceva di sentirsi come sulla cima di una piramide per cui nessuno avrebbe potuto capirla se non chi era al suo stesso livello. Io le risposi con le parole di S. Paolo di questa seconda lettura di oggi. Dissi a questa ragazza: “Se anche tu fossi occhio, potrebbe forse l’occhio rimproverare alla mano di non essere occhio? Poiché la vista è certamente superiore alle possibilità della mano o del dito, potrebbe forse l’occhio dire alla mano devi diventare occhio, altrimenti non mi servi?”. La massoneria e le gnosi usano la simbologia della piramide anche per questo: essi concepiscono il governo e il comando dal punto di vista del potere. I cristiani invece sanno che il potere appartiene solo ad Uno, esattamente come gli organi del corpo non crederebbero mai di avere il potere, poiché vivono in funzione del corpo. Gesù nel Vangelo, soffiando sugli apostoli lo Spirito, li consacra Vescovi, e gli dona il potere di rimettere i peccati degli uomini. Quel soffio si è trasmesso da Gesù di vescovo in vescovo fino ad oggi. Essi hanno il potere più importante del mondo. Un singolo prete ha un potere molto più grande del presidente degli Stati Uniti. Agli Apostoli furono consegnate da Dio le chiavi del Regno dei Cieli e, tuttavia, si ritennero i servi di Dio, i servi di tutti. Noi, membra del corpo di Cristo, non abbiamo un potere, abbiamo delle capacità, dei talenti di grazia ricevuti da Dio per assolvere a un compito, al nostro compito. Ognuno di noi ha i carismi che il medesimo Spirito Santo suscita, a seconda delle necessità del corpo di Cristo che è la Chiesa, e così vivere nell’armonioso ordine dell’amore.Continua a leggere…