New York: distruzione “democratica” e “tollerante” di un pulmino “omofobo” da parte di pacifisti LGBT locali

Ricordate il pulmino omofobo sequestrato in Spagna?

Ebbene, l’iniziativa si sta diffondendo in molti stati, tra cui gli USA. Il pulmino omofobo locale viene chiamato #FreeSpeechBus, il Bus della Libertà di Parola. Davanti alla sede dell’ONU, con autista a bordo, il FreeSpeechBus è stato assediato e vandalizzato da un gruppo di pacifici protestanti LGBT, i quali chiedevano, chiedono ed esigono, nel nome della tolleranza e della democrazia, l’imposizione totalitaria della loro ideologia.

pulmino omofobo new york

L’autista ha ricevuto lesioni, per fortuna non gravi, durante gli incidenti.

Mentre gli amorevoli attivisti LGBT accusano di crimini d’odio i pericolosi ideatori di un bus con sopra disegnati un bambino e una bambina… essi concretizzano con fatti e parole quegli stessi crimini di odio di cui accusano gli altri!

E quando la polizia non è ancora totalmente assoggettata alla dittatura ideologica LBGT e quindi non sequestra il pulmino come in Spagna, allora è necessario protestare pacificamente, distruggendo il bus in questione (o, come abbiamo visto, provando a dare fuoco a cattedrali, per esempio).

pulmino omofobo new york 2

Parlano di democrazia, tolleranza, accettazione delle differenze, ma quello che fanno è proprio non accettare e non tollerare, in alcun modo, qualunque differenza di pensiero. Chiunque la pensa diversamente va sradicato, bandito o eliminato. L’imposizione totalitaria delle loro idee è ciò che più di tutto gli importa. Scrivere “libertà” e “diritti” su un bus devastandolo significa negare quella libertà e quei diritti, di cui si riempiono la bocca, a coloro che la pensano diversamente.

pulmino omofobo new york 3

Siamo in un momento davvero pericoloso della storia. In tutta la società occidentale pericolose ideologie come il gender si stanno diffondendo sempre di più, come gocce di veleno in una bottiglia d’acqua, e stanno avvelendando tutto, consumando come un cancro tutto ciò che c’è di buono. E’ necessario fermarle e alzarsi in piedi oggi, per avere la possibilità di continuare a parlare e pensare liberamente anche domani. E’ necessario avvertire tutti, porre quesiti all’attenzione delle persone, in primo luogo di chi ci sta vicino, così da poter risvegliare sempre più coscienze e prepararsi per contrastare insieme il totalitarismo strisciante, che sempre di più sta venendo alla luce, prima che raggiunga la forza e il controllo necessari per imporsi in modo palese, definitivo e irrimediabile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...