Spagna: la psicopolizia LGBT e il pulmino omofobo

Pullman che ribadisce la natura umana sequestrato per incitamento all’odio, cartelloni aberranti LGBT sovvenzionati dal governo. E’ tempo di psicopolizia orwelliana.

pulmino grande

I bambini hanno il pene. Le bambine la vagina. Non ti far ingannare. Se nasci uomo sei un uomo, se nasci donna lo continuerai a essere“.

Un pullman inutile che ribadisce l’ovvio, direte voi.
Di cattivo gusto, si potrebbe anche pensare.
Ma a cosa serve? Vi starete chiedendo.

Ebbene, questo pullman, che ha girato per le strade di Madrid e aveva in programma di girare per tutta la Spagna, è stato sequestrato perché mezzo illegale che concretizza la fattispecie di “incitamento all’odio” contro la comunità LGBT spagnola. Avete capito bene: incitamento all’odio. Un pullman che ribadisce le cose più ovvie e palesi di sempre.

Ma perché prendersi la briga di allestire un pullman con su scritto l’ovvio? Semplice. Perché non è più ovvio, anzi.

Tale pullman, infatti, era la risposta di Hazte Oír, una associazione ProLife e famiglia naturale spagnola, a questi aberranti cartelloni diffusi in alcune regioni della Spagna:

bambine e bambini

Ci sono bambine col pene e bambini con la vagina“.
Sì. Avete letto bene. Bambine col pene. Bambini con la vagina.

…NO. NON E’ VERO. E’ SBAGLIATO.

I bambini hanno il pene, le bambine la vagina, 2+2 fa 4. A quanto pare non è più così ovvio.

E mentre i cartelloni LGBT che propagandano idee tanto aberranti quanto palesemente sbagliate ricevono sovvenzioni dal governo spagnolo… il pullman che ribadisce l’ovvio viene sequestrato per incitamento all’odio! Incredibile. Siamo arrivati veramente – come più volte annunciato – alla psicopolizia orwelliana. E infatti esiste la LGBTIpol in Spagna,

psicopolizia spagnola lgbt un supporto della polizia specializzato nell’individuazione dei “crimini di odio” contro gli lgbt, cioè, come dimostrato dal caso del pullman, specializzata nell’individuare chi si esprime in maniera difforme dal regime che si sta imponendo, così da poterlo fermare. Per un regime, infatti, la cosa più importante è controllare il pensiero delle persone. E se per arrivarci è necessario eliminare qualsiasi pensiero difforme, così sia.

Il regime sta arrivando, prepariamoci:

“Fuochi verranno attizzati per testimoniare che due più due fa quattro. Spade saranno sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi in estate”. (G. K. Chesterton)

Il monento profetizzato da Chesterton è giunto.

Annunci

2 pensieri su “Spagna: la psicopolizia LGBT e il pulmino omofobo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...