Haeresis Laetitia

L’8 Aprile è uscita la tanto attesa esortazione di Bergoglio sulla famiglia. Un testo rivoluzionario dicono alcuni, come il cardinal Kasper o monsignor Galantino. Non vale niente, dicono altri, come Burke, nel tentativo di rabberciare le falle alla barca che si è appena schiantata contro l’iceberg. Un testo eretico, dicono senza mezzi termini altri. L’esortazione è lunghissima quindi non potremo esaurirne il commento in un solo articolo, ci limitiamo qua ad alcune brevi considerazioni generali.

01-legati-pontifici_55a0f4754de37

Il testo è lunghissimo. Decisamente Lunghissimo. Più di 260 pagine. Proprio il modo giusto in cui secondo Gesù si dovrebbe parlare. Anzi no. “Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno”. (Matteo 5,37). Siamo invece davanti a un testo ripetitivo fino alla nausea e al fastidio, ed estremamente fumoso. E’ tutto tranne che “sìsì, nono”. E’ “Sì, no, forse, non lo so, fai un po’ te”. In questo modo i rivoluzionari anticristiani possono procedere alla demolizione di quel che rimane della Chiesa guidando la stragrande maggioranza del gregge verso la rovina. Allo stesso tempo, quei pochi cattolici che potrebbero rappresentare ancora un problema, se si svegliassero e si riunissero per la salvezza del Corpo di Cristo, che però solitamente non vogliono turbare in alcun modo la quotidianità delle loro giornate e non vogliono scomodarsi a mettere in discussione l’autorità del Papa, perché turberebbe il loro vivere apparentemente sereno in mezzo a un mondo che cade in pezzi, possono continuare a stare sereni in una zuccherata eutanasia collettiva del pensiero (e dell’anima). Così tra 50 anni non rimarrà praticamente nessuno a parlare e testimoniare Gesù secondo la Verità del Vangelo e dei 2000 anni della dottrina.

Dopo 2000 anni di fedeltà a Gesù Cristo, la Chiesa secondo Bergoglio cambia rotta. Dalla famiglia secondo Gesù si è passati alla “Famiglia secondo Bergoglio” o alla “Famiglia di Bergoglio”, come titolano a gran voce giornali e telegiornali. Troppo difficile fare come dice Gesù, un esigente ed astratto fondamentalista, meglio fare come dice l’argentino di turno.

Per 2000 anni la Chiesa ha cercato di salvare le anime delle persone, impedendo che le tentazioni del mondo le guidassero e le portassero alla dannazione. Ora si è deciso che queste tentazioni non solo non vanno condannate, ma vanno abbracciate, “ascoltate”, perché bisogna solo “discernere” e “dialogare” con queste “sfide” “pastorali”, che non sono “irregolari” e non portano alla condanna ma sono solo espressione di una particolare specificità e occasione di “esperienza” ed “incontro”. Il peccato mortale anche quando non ci si pente non condanna in eterno (quindi Dio ha sbagliato quando ce lo ha detto).

Per 2000 anni la Chiesa ha cercato di dire a chi era in stato di peccato mortale che doveva uscirne, perché quello porta alla dannazione eterna. Sull’esempio di Gesù che dice “va e non peccare più” (Giovanni 8,11) si è cercato di portare le persone verso la salvezza, perché chi dice di conoscere la Sua parola e non osserva i suoi comandamenti è un bugiardo e in lui non è la verità (1 Giovanni 2,4) e se mangia del Suo corpo non vivendo la Sua parola mangia e beve la propria condanna (1 Corinzi 11,26-29).

Da oggi non è più così. Secondo la Chiesa di Bergoglio «in certi casi» sì (§305, nota 351). I divorziati risposati infatti devono essere «integrati» e non esclusi (§299). La loro integrazione «può esprimersi in diversi servizi ecclesiali: occorre perciò discernere quali delle diverse forme di esclusione attualmente praticate in ambito liturgico, pastorale, educativo e istituzionale possano essere superate» (§ 299), senza escludere la disciplina sacramentale (§ 336).

In certi casi quindi, si può permettere alle persone di avvicinarsi da soli alla condanna della propria anima, senza dirgli che cosa stanno facendo, anzi, tranquillizzandole dicendo che va tutto bene, perché se nella loro coscienza si sentono a posto, allora non c’è problema se fanno il contrario di quello che dice Gesù.
Lo stesso Galantino si prende la briga di spiegarlo ai giornali e in televisione: ora l’Eucarestia a chi commette ostinato adulterio si può dare, basta che la persona e il prete in coscienza, dopo un lungo dialogo (non si sa su cosa dialoghi vista la chiarezza della Parola: basterebbe solo spiegargliela e fargli capire perché sarebbe meglio per la sua anima che cambiasse qualcosa nella sua vita), decidono che alla fin fine può mangiare del Corpo. Se poi mangia la sua condanna pazienza, l’importante è che si faccia nel “dialogo”. Ci penserà poi il Papa con una spazzolata di misericordia a pulire l’anima di tutti (come se potesse davvero decidere lui di amministrare a piacimento la misericordia di Dio).

Siamo arrivati a questo. La Chiesa che si piega al mondo e alle sue voglie, traviando così le coscienze delle persone.
Urge che accada qualcosa, se no Essa morirà lentamente e inesorabilmente. Urge davvero che chi tra gli alti prelati si rende conto di queste cose, guidi il popolo di Dio ancora fedele al Suo Signore lontano da questa carneficina di anime, da questa peste di errori e di vizi che ammorba il mondo (preghiera a S. Giuseppe). Prima che non vi siano più pastori del Signore e non vi sia più un gregge ma solo qualche pecorella smarrita.

Preghiamo tutti insieme. Preghiamo tanto perché la Vera Chiesa del Signore possa trovare la strada della salvezza, in questo momento buio, molto buio, perché il pericolo è apparentemente più difficile da riconoscere, non venendo da fuori ma da dentro, ed essendo quindi più difficile da individuare e contrastare (o forse solo da accettare e combattere prima che sia troppo tardi).

Preghiamo perché Dio ci guidi e ci aiuti a rimanere saldi nella Fede alla Sua Parola.

Matteo Di Benedetto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...