Family Day: il Corpo di Cristo che vive!

f day

30 Gennaio 2016. Più di un milione di persone che affollano Circo Massimo, che da solo non basta, e dintorni!
Più di un milione di anime che insieme, unite, respirano e gridano la Verità, una, sola, univoca, immutabile, assoluta!
Santa Caterina da Siena disse: “Avete taciuto abbastanza. E’ ora di finirla di stare zitti! Gridate con centomila lingue. Io vedo che a forza di silenzio, il mondo è marcito”!
E il popolo di Dio ha rotto il silenzio e si è fatto sentire!
Alla vigilia della votazione in Parlamento del ddl Cirinnà, che avallerà definitivamente l’insegnamento delle teorie gender nelle scuole, frutto di un distorto materialismo ateo totalmente relativista e slegato da qualsiasi sistema morale e valoriale di riferimento che si spinga al di là degli impulsi volitivi ed egoistici del singolo, fino ad accettare la totale decadenza del corpo a mero strumento di soddisfacimento dei mutabili desideri sessuali di colui che lo abita.
Alla vigilia di un disegno di legge che, avallando le unioni civili tra omosessuali e permettendo una prima forma di adozione per le stesse, fungerà da ponte, grazie alla “sapiente” giurisprudenza nostrana e europea, per il totale sdoganamento delle adozioni da parte di omosessuali, dissolvendo totalmente il concetto di famiglia naturale così come conosciuto dalla storia dell’uomo – da molto prima della venuta in terra di Nostro Signore. Scritto nella nostra stessa natura da Dio stesso è, infatti, principio autoevidente all’intelletto, finché non si decide di rinnegare se stessi, la propria natura e l’evidenza del Creato e delle sue immutabili leggi.

Nell’indifferenza imbarazzante di una società narcotizzata dall’incessante bombardamento monodirezionale di tutti i mezzi di comunicazione di massa, nel favore nella direzione della distruzione del concetto di famiglia naturale e di natura umana stessa da parte delle istituzioni, e nell’assordante silenzio di una chiesa, annacquata e prudente fino all’ignavia, e di tutto il clero, a partire dalla suo vertice qui in terra, una voce si è elevata, alta, forte, ammonitrice: NO!

Oltre un milione di persone, spinte dall’amore per la verità, aiutate da nessuno e anzi ostacolate, riempiendo le piazze come mai era successo negli ultimi decenni, si è unita,
spinta dall’amore per la Verità, e ha gridato NO a questo disegno di legge aberrante, che rinnega la natura stessa dell’Uomo nella sua dualità e complementarietà tra uomo e donna, e nella sua espressione cardine e più elementare ed evidente, la famiglia, con madre, padre e figli!
Non c’è infatti bisogno di una laurea scientifica per comprendere la differenza tra le situazioni, dove uomo e donna hanno capacità di generare nuova vita mentre così non è per le coppie omosessuali.
Si chiede uguaglianza, ebbene l’uguaglianza è trattare situazioni uguali in modo uguale e situazioni differenti in modo differente. Ed è lampante la differenza tra le situazioni di cui si parla.

Ma, come diceva Chesterton: “Accenderemo fuochi per testimoniare che due più due fa quattro. Sguaineremo spade per dimostrare che le foglie sono verdi in estate”.
In difesa della verità, queste persone si sono unite, spinte dall’Amore e dalla forza unificatrice di Cristo, per riaffermare l’immutabilità e la giustizia dell’ordine naturale delle cose così come Dio lo ha pensato e difendere l’Uomo da se stesso e dalla deriva che vuole rinnegare Dio e il suo ordine per elevarsi dio di se stesso!

La Chiesa è formata dalle membra del corpo di Cristo: soprattutto da coloro che hanno fatto di Cristo la propria Guida, la propria Luce, la propria Vita, e da coloro che accettano Cristo e lo annunciano, lo temono, lo amano lo servono e per Lui sono pronti ad offrire se stessi!
E Questa Chiesa c’era, unita, forte e pronta a mettersi in gioco per la verità di Cristo! Ma non tutta la Chiesa era presente. Non tutto il corpo di Cristo. La paura del confronto, la paura di erigere muri per Cristo, la paura di dover combattere per la verità e la giustizia, la paura di far cadere ponti per salvare anime, ha portato al silenzio la maggior parte di coloro che si dicono cristiani cattolici. Lo stesso Papa e lo stesso clero nella sua quasi totalità sono rimasti silenti e nulla hanno detto e fatto, nel nome di una pace umana. Quello che era il più grande e  nobile obiettivo di tutti, affidato nelle mani della madre Chiesa, di salvare le anime tutte di coloro che popolano questa terra, si è adeguato, abbassato, chinato, fino a diventare salvezza dei corpi, mero benessere spirituale o concordia ipocrita.

Proprio in questo momento di enorme difficoltà, il Popolo di Dio ha reagito! Ha fatto sentire che c’è, reagisce e reagirà di fronte a tutto ciò!
La speranza è viva e forte, e la speranza è anche quella che sulla scia di questo enorme dimostrazione di spirito, Vita e partecipazione in Cristo, tutti coloro che si dicono fedeli riaprano i loro cuori e le loro menti a Cristo, accettino le Sue parole, condividano la sua croce, si alzino dal loro torpore e imbraccino la Spada della Verità e lo scudo della Fede davanti a questo mondo in decadenza!
La speranza è che la Chiesa tutta, e tutto il clero fino al suo apice, si risvegli dal torpore del modernismo e dall’abbandono della Verità nel nome di una falsa pace, e si faccia di nuovo Guida del Popolo del Signore, in cammino per la salvezza delle proprie anime e delle anime di tutti coloro che popolano il mondo!

Smettiamo di sonnecchiare ed adeguarci e facciamo rimbombare la Verità, che sola ha la forza di spezzare qualsiasi argine e travolgere qualsiasi idolo!
Il 30 Gennaio questa voce si è fatta sentire!
Il 30 Gennaio il Popolo di Dio si è unito ed alzato! Annunciamo, serviamo e Viviamo Cristo, rinnoviamo le nostre fedi: e nulla a Lui sarà impossibile!

Matteo Di Benedetto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...